IKI saluta tutti i percorritori della Via degli Etruschi!!

10 maggio 2013 - Conferenza Stampa presso Museo Archeologico di Artimino "Francesco Nicosia"

Il giorno venerdì 10 maggio alle ore 11:00 presso il Museo Archeologico di Artimino "Francesco Nicosia" si è tenuta la Conferenza stampa per "La Via degli Etruschi".

Riportiamo qui sotto vari articoli:

Articolo di TV Prato

Da Artimino a Marzabotto seguendo le tracce degli antichi Etruschi: ecco il trekking archeologico

"A piedi o in bicicletta seguendo le orme di chi abitava in Toscana ed Emilia Romagna duemila anni fa. E’ l’idea che lancia “La via degli Etruschi”, un itinerario percorribile in 5-6 giorni a piedi o in mountain bike, che collega quelle che un tempo furono la città etrusche di Aritimi e Kainua, oggi Artimino e Marzabotto. Un percorso, il più lungo in Italia di trekking archeologico, che unisce l’antica Etruria classica all’Etruria padana, sulla via dell’antico spostamento di uomini e merci.
Il percorso – già messo a punto e comodamente praticabile anche attraverso il tracciato Gps – è stato presentato questa mattina al Museo archeologico di Artimino. L’idea è nata dal lavoro di un gruppo di pratesi, guidato da Enzo Giannecchini, che ha studiato uno dei percorsi che potevano essere stati sfruttati anche al tempo degli Etruschi per collegare i territori posti a sud degli Appennini con quelli dell’Etruria padana e attraverso il quale possiamo immaginare che siano transitati uomini, merci e culture. “Non esistono progetti simili in Italia”, sottolinea Giannecchini.
Il tracciato è diventato un’escursione a tappe di circa cento chilometri, che da Artimino, dopo aver attraversato la valle del Bisenzio e aver fatto tappa Gonfienti, tocca Vaiano, Montecuccoli, Montepiano, lago del Brasimone, Grizzana Morandi e infine, valicato lo spartiacque appenninico, raggiunge Marzabotto.
Tappe di partenza e arrivo sono il Museo archeologico di Artimino Francesco Nicosia (Comune di Carmignano), e il Museo nazionale etrusco Pompeo Aria di Marzabotto (Comune di Marzabotto), poli culturali e logistici dell’itinerario, che hanno condiviso e dato pieno sostegno all’iniziativa. Ad essi si possono richiedere la credenziale di viaggio alla partenza e l’attestato personale di percorrenza all’arrivo. La credenziale dovrà essere convalidata lungo il percorso in almeno 4 diversi punti tappa aderenti all’iniziativa. Ci sono infatti cinque punti tappa consigliati: Artimino-Prato, Prato-Montecuccoli, Montecuccoli-Lago Brasimone, Lago Brasimone-Grizzana Morandi, Grizzana Morandi-Marzabotto. All’arrivo al museo meta del percorso con la credenziale verrà rilasciato l’attestato di percorrenza, il sacculum. Il tracciato è segnalato nei tratti molto limitati in cui non si può fare appoggio ad un sentiero CAI con un simbolo specifico, che è anche il logo de La via degli Etruschi. Per maggiori informazioni c’è il sito www.laviadeglietruschi.it nel quale si possono trovare notizie, foto, mappa del percorso, punti tappa e anche il tracciato Gps, oltre a vari suggerimenti per un buon cammino."

 

 

Articolo di Toscana TV

'La via degli etruschi', 100 chilometri da Carmignano a Marzabotto tra storia e trekking


PRATO - 10/05/2013 - Trekking archeologico a tappe all'insegna degli etruschi. Partenza dal Museo Archeologico di Artimino e arrivo al Museo nazionale etrusco di Marzabotto, o viceversa. Iniziativa di Provincia di Prato e Comuni di Carmignano e Marzabotto

Cento chilometri da percorrere a piedi o in bicicletta, all'insegna degli etruschi, tra storia, cultura, arte, ma anche sport, enogastronomia e natura. Partenza da Artimino, arrivo a Marzabotto e viceversa. 'La via degli etruschi' e' stata presentata stamani nella bella cornice del Museo Archeologico di Artimino da Provincia di Prato e Comuni di Carmignano e Marzabotto. Lo spunto e' il cammino di Compostela: un percorso a tappe che attraversa la valle del Bisenzio e arriva dall'altra parte dell'Appennino dopo aver toccato Vaiano, Montecuccoli, Montepiano, il lago di Brasimone e Grizzana Morandi tra musei, alberghi, ristoranti, campeggi, storie, comunita' e tradizioni. Sia che si parta dal Museo Archeologico di Artimino e si arrivi al Museo nazionale etrusco di Marzabotto, o che si faccia il percorso inverso, si potra' ritirare la credenziale di viaggio da far timbrare ad ogni tappa e, all'arrivo, l'attestato personale di percorrenza. 'La via degli etruschi' e' gia' pronta: un percorso segnalato, adatto a tutti, da coprire in diversi giorni, sia di seguito che in tempi diversi. Il ventaglio delle opportunita' che 'La via degli etruschi' offre e' infinito. Informazioni sul sito www.laviadeglietruschi.it 

Articolo

La via degli Etruschi, trekking archeologico da Artimino a Marzabotto
Friday, 10 May 2013

"PRATO – A piedi o in bicicletta seguendo le orme di chi abitava in Toscana ed Emilia Romagna duemila anni fa. E' l'idea che lancia La via degli Etruschi, un itinerario percorribile in 5-6 giorni a piedi o in mountain bike, che collega quelle che un tempo furono la città etrusche di Aritimi e Kainua, oggi Artimino (Prato) e Marzabotto (Bologna). Un percorso, il più lungo in Italia di trekking archeologico, che unisce l'antica Etruria classica all'Etruria padana, sulla via dell'antico spostamento di uomini e merci.

Il percorso - già messo a punto e comodamente praticabile anche attraverso il tracciato GPS - è stato presentato questa mattina al Museo archeologico di Artimino dalla vice presidente della Provincia di Prato Ambra Giorgi, da Fabrizio Buricchi, assessore alla cultura di Carmignano e da Simonetta Monesi, assessore alla Cultura di Marzabotto. Il progetto è stato illustrato dal presidente dell'associazione La via degli Etruschi Enzo Giannecchini, con Maria Chiara Bettini, la direttrice del Museo archeologico di Artimino, e Paola Desantis, direttrice del Museo nazionale Etrusco Pompeo Aria di Marzabotto. «Con questa iniziativa, che costituisce una straordinaria opportunità, le due città etrusche tornano a parlarsi e la collaborazione, di certo, non si fermerà qui», ha messo in evidenza Ambra Giorgi.

L'idea è nata dal lavoro di un gruppo di pratesi, guidato da Enzo Giannecchini, che ha studiato uno dei percorsi che potevano essere stati sfruttati anche al tempo degli Etruschi per collegare i territori posti a sud degli Appennini con quelli dell’Etruria padana e attraverso il quale possiamo immaginare che siano transitati uomini, merci e culture. «Non esistono progetti simili in Italia», sottolinea Giannecchini.

Il tracciato è diventato un'escursione a tappe di circa cento chilometri, che da Artimino, dopo aver attraversato la valle del Bisenzio e aver fatto tappa Gonfienti (Prato), tocca Vaiano, Montecuccoli, Montepiano, lago del Brasimone, Grizzana Morandi e infine, valicato lo spartiacque appenninico, raggiunge Marzabotto. «E questo potrebbe essere soltanto l'inizio di un progetto che collega Marzabotto e Artimino all'Etruria meridionale», ha annunciato l'assessore Buricchi.

Tappe di partenza e arrivo sono il Museo archeologico di Artimino Francesco Nicosia (Comune di Carmignano), e il Museo nazionale etrusco Pompeo Aria di Marzabotto (Comune di Marzabotto), poli culturali e logistici dell’itinerario, che hanno condiviso e dato pieno sostegno all’iniziativa. Ad essi si possono richiedere la credenziale di viaggio alla partenza e l'attestato personale di percorrenza all'arrivo.

La credenziale dovrà essere convalidata lungo il percorso in almeno 4 diversi punti tappa aderenti all'iniziativa. Ci sono infatti cinque punti tappa consigliati: Artimino-Prato, Prato-Montecuccoli, Montecuccoli-Lago Brasimone, Lago Brasimone-Grizzana Morandi, Grizzana Morandi-Marzabotto. All'arrivo al museo meta del percorso con la credenziale verrà rilasciato l'attestato di percorrenza, il sacculum. Il tracciato è segnalato nei tratti molto limitati in cui non si può fare appoggio ad un sentiero CAI con un simbolo specifico, che è anche il logo de La via degli Etruschi."  

Info: laviadeglietruschi.it 

 

 

Articolo:

Trekking archeologico su "La via degli Etruschi", un percorso a tappe di cento chilometri da Artimino a Marzabotto sulle vie commerciali che collegavano le antiche città di Aritimi e Kainua
Il percorso è stato presentato questa mattina al Museo archeologico di Artimino dalla vice presidente della Provincia Ambra Giorgi. Info suwww.provincia.prato.it e www.laviadeglietruschi.it

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti ad un utilizzo dei cookie.